Buco nero al MYCOPLASMA mycoides JCVI-syn1.0


By Rosalina - Posted on 21 Maggio 2010

neurone(1)Lo sapevo che ci saremmo arrivati presto. Mutazione genetica in atto. Ho la netta sensazione che le cavie già stiano facendo la fila per essere scelte secondo la conformazione del proprio DNA. Si violenteranno infanzie per scoprire dopo trenta, quarant'anni che è servito solo per migliorare il sistema, resettando e cancellando dati inservibili, inutili, machiavellicamente parlando, per scoprire, spiegare, elencare gli ingredienti (come una ricetta culinaria), per elaborare perfettamente un'anima senz'anima. Se adesso siamo ciò che siamo grazie al nostro percorso di vita, domani saremo consapevoli dell'inconsapevolezza dei nostri bit. A seconda delle "station" avremo sessioni del riflettere, del godere, del giudicare, dell'ascoltare. Non sapremo mai cos'è una passione se non per scelta di un collegamento artificiale, una sofferenza se non per induzione elettronica, un errore se non per batterie scariche.
Non sarà necessario fare nulla. La mattina, con l'orologio bionico inserito, ci alzeremo, collegheremo automaticamente i contatti con la centrale "20-MA-20-10" e potremo non sentirci, ma essere: metereopatici, schizofrenici, deviati, soli, orgogliosi, ignoranti, irresponsabili, consapevoli, giovani, vecchi, scrittori, musicisti, attori, cantanti, professionisti, stupidi, malati, felici, innamorati.
Non sarò assolutamente in grado, se non per programmazione, di dire: sono totalmente consapevole di essere ciò che sono e non potrei essere altrimenti. Non potrò più dire: chi è con me non chiede, pretende, cura, lascia. Prende e basta, perchè già sa che ho scelto di dare. Non potrò più dire: "Ah! Saperla amare! Se l'ami, se l'ami davvero, non basterà il mondo intero a riempire il tuo mare d'inverno!". Non potrò più dire: "produce frutti diversi, per veri intenditori e quelli veri hanno l'anima leggera! ". Non potrò più dire: posso chiedere. Nessuno si perderà e nessuno si cercherà. Tutti incellofanati in blocchi standard in magazzini superasettici. Sarà un buco nero che ingoierà il mondo. Non avremo bisogno di nutrirci dell'altro per essere ciò che siamo. Verremo nutriti a seconda delle disponibilità energetiche di rete. Non avrò bisogno di "scegliere" di fare musicoterapia per vivere o rivivere un'emozione. L'avrò gia inserita nella mia chiavetta portatile che, attenzione, non sarà più personale, ma interscambiabile, in caso di black out, con qualche dose di DNA alla rabbia, alla coscienza, alla violenza, all'amore, all'infanzia, alla pazzia o alla simpatia, alla solarita', alla delicatezza, alla sensibilità, alla paura, alla resistenza, alla fantasia, al ponte tibetano o ai mari del sud.
Avrò un cervello dalle sinapsi superaccessoriate, che andrà ricontrollato dal rivenditore, il quale mi convocherà telepaticamente, dato gli sviluppi delle nuove scoperte. Naturalmente andrò, sapendo che non so cosa vado a fare.
Oh! Finalmente! Saremo tutti egoisti o tutti santi, sicuri di noi stessi, tutti consapevoli che l'altro è un DNA derivato numerico, che ci permette di cambiare la scheda madre quando la nostra è bruciata. Nient'altro.
Non avremo più il desiderio di succhiare l'anima, avvelenare, recriminare, porsi domande, bimbi grandi e grandi bambini, dall'alto delle nostre misere convinzioni.
Non avremo, non sentiremo, nessun bisogno di ingoiare, partorire, corazzarsi, cercare, capire, dare.
Sarà TUTTO GIA' DATO. Povero uomo, giustificato dalla scienza!
(Rosalina)

Posso in parte comprendere le perplessità, le angosce e le paure di tutto quello che trapela dal grande mostro chiamato scienza...ma se perdi qualcuno troppo presto e questo succede nella vita reale e non in un film... Allora va bene tutto... Purché nessuno ricerchi eternità o abomini, benvgano tutti i progressi (poi comunque la cosa deve essere personale). Ora noi vediamo le cose come un atto insulso contro l'umanità, ma la stessa cosa probabilmente erano le prime forme di medicina evoluta (stregonerie) nei lontani secoli passati. Nell'antica Roma l vita media era 35/40 anni ora è raddoppiata.... Forse siamo andati contro la volontà di Zeus e Apollo? Lasciamo il corso alla scienza... L'etica è un scelta personale che ci permetterà di usufruire delle scoperte oppure no.... Tutto il resto è fanatismo.....

certisimo "comprendo solo in parte" era ciò che intendevo, lanciare messaggi a chi sostiene che l'etica è una frottola!
l'autrice.

La scienza non può essere arrestata e le nuove scoperte, purtroppo, possono essere usate male o bene; l' importante è che si sappia quel che si vuol fare e se ne possa discutere. Al contrario, tante sono le cose che non si sanno; pensiamo alla globalizzazione ! Non ho ancora capito cos' è, eppure se ne parla tanto. Ho solo capito che i banchieri comandano il mondo !

Commenti recenti

Creative Commons

Creative Commons banner
Questo sito è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons