Gabriella Scotto

Gabriella Scotto, insegnante di Ginnastica Artistica e Ritmica

Il movimento del corpo può indossare forme diverse per esprimersi: quella che si stende sulle righe di un pentagramma, facendosi danza, e quella che segue i canoni di una disciplina, cioè la ginnastica.
Gabriella Scotto, classe 1980, ha scelto quella intermedia, tra il ritmo e la regola: la ginnastica artistica e ritmica.
La conosciamo non solo come atleta in competizione, ma anche come professionista nel settore: medaglie da primi posti e attestati di formazione fanno del suo curriculum un itinerario d’esperienza vincenti.
Gabriella, napoletana d’origine e abruzzese d’adozione, ha fatto delle scienze motorie una materia di studio e di lavoro, anche e soprattutto perché già coltivate personalmente come attività atletica e passione innata.
La soddisfazione nel ricevere il titolo di campionessa in diverse gare a livello regionale, perciò, si è unita a quella di lavorare in diversi contesti della provincia, in cui si è distinta per un approccio variegato alla disciplina: istruttrice qualificata di ginnastica artistica, ritmica e aerobica, ha educato e appassionato al movimento giovani diversamente abili e si è specializzata come personal trainer per terza età.
Gabriella Scotto, come ogni piccola grande professionista e operatrice del fitness e dello sport dove è il corpo a recitare il ruolo di protagonista e l’essere della persona a fare da spalla, ha scelto la strada a metà tra la scienza, come sostanza e l’arte, come forma, scoprendo così nel movimento un canale di comunicazione del sentire.
Come a dire che il benessere (lo stato di salute, in termini scientifici) è – anche – nella bellezza (lo stato di armonia, in termini artistici).

Gabriella lo ha imparato dai testi, lo ha provato sul podio e vuole insegnarlo, ancora, e a noi.