In viaggio per gli stati partiamo. Walt Whitman

  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /home/accadem4/public_html/sites/all/modules/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 0.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /home/accadem4/public_html/sites/all/modules/captcha/captcha.inc on line 61.

By Wladimir D Arco - Posted on 29 Settembre 2010

whitmanIn viaggio per gli Stati partiamo (traverso il mondo,

spinti da questi canti facendo vela da qui per ogni terra,

per ogni mare) noi che vogliamo essere allievi di tutti,

maestri di tutti, e di tutti amanti.

Abbiamo visto le stagioni che si profondono e passano,

e abbiamo detto,

Perché un uomo o una donna

non dovrebbero fare come le stagioni,

spargersi come loro?

Ci fermiamo un poco in ogni città

grande o piccola, passiamo attraverso il Canada,

il Nord Est, la vasta valle del Mississippi e gli Stati del Sud,

ci consultiamo su eguali termini con ogni Stato,

mettiamo alla prova noi stessi e invitiamo uomini e donne ad ascoltare,

diciamo a noi stessi,

Ricorda, non temere, sii candido,

promulga il corpo e l'anima,

sosta un poco e procedi,

sii copioso, temperato, casto, magnetico,

e ciò che tu hai sparso

possa allora tornare come le stagioni ritornano,

e possa essere proprio come le stagioni. 

(Walt Whitman)

Un brano, una poesia, che sa di viaggio, di scoperta, di confronto e aggregazione.

Una poesia così Bella, che a me ha solleticato l'immaginazione e il mio pensiero, ad un tratto, ha smesso di rimbalzare. Ha cominciato ad andare oltre lo spazio e a voler capire cosa ci puotrebbe essere domani. Per me.

Una poesia che sa di curiosità.

La curiosità.

La cosa migliore che ti può capitare di avere.

Siate sempre curiosi, come lo era Whitman. (Aveva la faccia di un pazzo scatenato (cit. L'attimo fuggente), ma era un grande, a mio avviso, un grande scrittore e un grande uomo).

Siate curiosi, di nuovi mondi e di nuove culture, ascoltate tutte le fedi che vi possano raccontare con attenzione e poi coltivatele, senza commettere l'errore di prenderle per verità assolute.

Siate curiosi di scoprire come funziona una mascella d'asino, lo strumento musicale, e anche quella anatomica, siate curiosi di capire gli altri e cercate sempre di farvi capire.

La curiosità.

Ti spinge a partire, per gli stati, viaggiando in direzione di nuove terre e di nuovi mari. (Che forse in questo caso, si tratta anche delle terre e dei mari che gli altri hanno dentro).

Seminate il vostro modo di essere, senza essere volgari o cattivi, e, vedrete che, la primavera o la vostra stagione tornerà.

Wladimiro.

Commenti recenti

Creative Commons

Creative Commons banner
Questo sito è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons