Il diritto all' infanzia


By Rosalina - Posted on 05 Novembre 2009

girotondo-musicale-smallI bambini questi sconosciuti. Ci sembra di sapere tutto di loro e invece dall’alto del nostro egoismo culturale dimentichiamo di esserlo stati pure noi. Girovagando fra i mille articoli che parlano di diritto all’infanzia ne ho trovato uno che rispecchia precisamente il mio pensiero sul mondo infantile, scritta da una docente come me, (Paola Conti, Insegnante di Scuola dell’Infanzia Ulignano, Istituto Comprensivo di San Gimignano Segreteria CIDI Firenze). Ne trascrivo le parti più salienti. “A che cosa hanno diritto i bambini a scuola? Innanzi tutto hanno diritto a trovare un ambiente che li accolga e che li guidi verso avvertibili traguardi di sviluppo in ordine alla identità, alla autonomia e alla competenza” (Orientamenti ’91). L’esercizio del diritto infatti non può corrispondere ad un capriccio momentaneo, ad un interesse passeggero, ad una curiosità indotta dall’esterno (per esempio attraverso i messaggi pubblicitari). Garantire i diritti significa aiutare le persone a vivere meglio, fornire gli strumenti che le mettano in condizione di imparare ad imparare in tutto l’arco della vita. L’ambiente in cui i bambini sono immersi oggi è ricchissimo di stimoli e informazioni: costringe quasi a conoscere, pensare, immaginare, ma su livelli che comportano uno sforzo cognitivo, una concentrazione e riflessione ridotti al minimo. In questo contesto la scuola deve svolgere una funzione di filtro nei confronti di atteggiamenti superficiali e dispersivi . Per garantire i diritti, dunque, bisogna conoscere e riconoscere le esigenze. A scuola questo si fa attraverso l’osservazione. L’ osservazione che ci mostra in tutta evidenza le caratteristiche del modo di apprendere dei bambini. Quali sono queste caratteristiche?
Innanzi tutto l’estrema difficoltà a soffermarsi sulle cose. I bambini sono abituati (a volte forzati) a passare da una cosa all’altra in maniera sempre più veloce e frenetica. Così non sono più capaci di organizzarsi il tempo e vengono presi dall’ansia del “Cosa facciamo dopo?”. Questo li porta ad affrontare i compiti che li attendono con grande superficialità, sempre proiettati verso la prossima novità che li aspetta. Collegato a questo aspetto c’è quello della facilità nel fare le cose. Siccome bisogna andare di fretta tutto deve essere facile, sbrigativo. Non si può perdere tempo ad imparare. Non c’è tempo per allacciarsi le scarpe e così si fabbricano scarpe senza lacci. Ma in questa rincorsa alla facilitazione della vita, i bambini, hanno solo da perdere. Perché, come ci insegnano i grandi psicologi del novecento (da Piaget in poi), i bambini di questa età imparano solo facendo (Pensiero operativo). È legandosi i lacci delle scarpe o abbottonandosi la giacca che ciascuno di noi ha interiorizzato giorno dopo giorno, in maniera del tutto inconsapevole, ma non per questo meno efficace, i concetti di dentro/fuori, sopra/sotto. È così che abbiamo imparato a confrontare quantità e qualità, a contare, a costruire quelle competenze che poi la scuola ha affinato e convogliato nei linguaggi specifici legati alle diverse discipline. Ma è un’esigenza dei bambini quella di andare di fretta? Sono loro che vogliono tutto facile? Io non credo. E la scuola non deve assecondare questi atteggiamenti, non deve giustificarli. Non deve arrendersi. Deve invece svolgere la sua funzione di antidoto, garantendo l’esercizio dei seguenti diritti:

  • Il Diritto alla pazienza: quella degli adulti che devono sempre considerare chi hanno davanti (bambini prima che alunni), ma anche quella che devono imparare i bambini.
  • Il Diritto alla fiducia. I risultati della scuola dell’Infanzia nella maggior parte dei casi non si vedono. Bisogna avere fiducia nei bambini, nella loro capacità di maturazione. Bisogna avere fiducia nel nostro lavoro (serietà, competenza). Non sono i risultati immediati, non sono i prodotti, che ci danno la cifra, la misura di ciò che realmente abbiamo fatto (servono per una rassicurazione immediata). E’ per questo che le scuole, ma anche i territori, devono investire sulla continuità, su processi che si approfondiscono progressivamente all’interno di percorsi coerenti.
  • Il Diritto ad avere accanto adulti responsabili (che si assumono le responsabilità). Che non dicono di sì a tutto per pigrizia. Che si assumono l’onere e la fatica di spiegare il perché dei no, ma anche quello ancora più gravoso, dell’esempio.
  • Il Diritto all’apprendimento: ad una scuola che insegna, che lascia tracce di sé in ciascun individuo. Che valorizza le caratteristiche individuali e rafforza l’autostima attraverso una scelta (talvolta radicale) di contenuti, di percorsi significativi adatti all’età dei bambini cui sono rivolti. Una scelta che va nella direzione della selezione di pochi percorsi, lenti, distesi, ricorsivi. In questo senso, io credo sia importante rivalutare il ruolo cognitivo del “fare”: un fare concreto, legato a materiali, strumenti, gesti veri, non simulati, non virtuali. Proprio in un momento come questo in cui tutto sembra finto e anche gli adulti fanno fatica a distinguere la verità dalla fiction, il reale dal reality, credo sia importante riportare i bambini alla concretezza delle cose, al fare con perizia, con pazienza, con costanza. Nella scuola dell’infanzia non si semina per diventare agricoltori, non si dipinge per diventare pittori. Si fanno queste esperienze perché, attraverso di esse, i bambini comprendano la necessità di quelle virtù (pazienza, perizia, costanza, ma anche attenzione, collaborazione, disponibilità…) che hanno consentito nei secoli all’uomo di produrre oggetti attraverso i quali esprimere la propria creatività e riescano ad utilizzarle al meglio combinandole con gli strumenti che la tecnologia è in grado di offrirci oggi. Nel 1976 il Prof. Trisciuzzi pubblicava un libro intitolato La Scoperta dell’infanzia. Oggi si assiste al fenomeno opposto: alla scomparsa dell’infanzia. Bambini sempre più trattati da adulti, vestiti come adulti, che parlano come gli adulti. Ci dicono che il mondo è cambiato e che i bambini sono diversi, più stimolati, più attivi, più pronti. E in effetti la nostra è una società più ricca, più tecnologica, più stimolante e sarebbe stupido rimpiangere tempi (neanche troppo lontani) in cui il livello qualitativo della vita era sicuramente più basso. Ma noi dobbiamo usare tutte le potenzialità, le tecnologie, le ricchezze del nostro mondo per ampliare i diritti dei bambini, per consentire loro di vivere in maniera più piena la loro età, non per negare le sue prerogative, non per disconoscere le sue caratteristiche in nome di anticipazioni senza senso, di accelerazioni che non portano da nessuna parte e che sono solo i bambini a pagare. Perché il primo diritto dei bambini è il diritto all’infanzia”.

Divagazioni filastroccose:

LE STAGIONI DELLA SCUOLA

La scuola inizia e sono un po’ nervoso
intanto l’Autunno è spoglio e nebbioso.
Ora sto meglio, non son più appiccicoso
è arrivato l’Inverno freddo e festoso.
Oh! La mia classe profuma di viole
è qui Primavera col tiepido sole.
Finalmente l’estate col caldo afoso
la scuola è finita, vacanze e riposo!
(Rosalina)

diritti-bambini2-smalldiritti-bambini4-smalldiritti-bambini1-smalldiritti-bambini3-small

Commenti recenti

Creative Commons

Creative Commons banner
Questo sito è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons